design

Volkswagen ID R, Pikes Peak challenger

World premiere of the Volkswagen I.D. R Pikes PeakVolkswagen will unveil in France on Sunday April 22 the ID R Pikes Peak, a 4WD electric-powered prototype that will be used on the 2018 Pikes Peak International Hill Climb. The car has been developed by VW’s motorsport division to showcase the performance capabilities of modern-day electric drive systems. A technological demo for a range of new electric-powered ID road cars that are due to begin production from the end of 2019. The machine will be shown before an on-track testing programme for its record attempt on the 156-turn, 12.42-mile mountain begins the following day. Main features: 680HP and 1100Kgs.

volkswagen-i-d-r-pikes-peak4Volkswagen presenterà in Francia, domenica 22 aprile la ID R Pikes Peak, un prototipo a propulsione elettrica a 4 ruote motrici che verrà utilizzato nella Pikes Peak International Hill Climb 2018. L’auto è stata sviluppata dalla divisione motorsport di VW per mostrare le prestazioni dei moderni sistemi di guida elettrica. Una dimostrazione tecnologica per una serie di nuove auto ID stradali elettriche che dovrebbero entrare in produzione a partire dalla fine del 2019. La macchina verrà mostrata prima di un programma di test in pista per il suo tentativo di record di scalata sul miglio in montagna che inizierà il giorno seguente. Principali caratteristiche: 680CV e 1100kg di peso.

volkswagen-i-d-r-pikes-peak

Annunci

Rimac Concept Two: 1914HP EV!

c_two_studio_RIMACThe Croatian company Rimac unveiled at Geneva Motor Show 2018 its new crazy all electric hypercar: the Concept Two. It claims to have a 1914 HP engine that enables a 0-60 MPH acceleration in 1,85 seconds. That would make it one of the quickest cars in existence. Rimac says its 120 kWh battery enables over 400 miles of range, which is a lot more than the 200 miles found in most production EVs. The car comes with Level 4 autonomous capabilities. 150 copies of the Concept Two will be built.

c_two_studio_RIMAC_inside

La casa croata Rimac ha svelato al Salone di Ginevra 2018 la sua nuova folle hypercar elettrica: la C TWO. Dichiarati ben 1914 CV di potenza che consentono un’accelerazione da 0-100km/h in 1,85 secondi. Questo dato la pone come una delle auto con la più poderosa accelerazione al mondo. Rimac riferiesce che la batteria da 120kWh permette un’autonomia di 640 Km circa, un dato ben più elevato dei soliti 300 km di molte elettriche già in produzione. L’auto è anche prevista per avere una guida autonoma di livello 4. La produzione prevista è di 150 esemplari.

c_two_studio_RIMAC_back

c_two_static_side_01

Fisker EMotion: Henrik strikes back

Fisker-EmotionHenrik Fisker is back, and back in style. A new electric car from Fisker was unveiled: the EMotion. More than 400 miles range, 9 minutes charging to have 125 miles ready, 4WD. Price starting at 129.900$. You can order the car with a 2000$ deposit, delivery starting in January 2019. Is it the new Tesla contender?

Fisker-Emotion_backHenrik Fisker è tornato ed è tornato alla grande. La nuova auto elettrica Fisker è stata svelata: la EMotion. Numeri alla mano: 640km di autonomia, 9 minuti per ricaricare 200km, trazione integrale. Il prezzo parte da 129.900 dollari. Si può già ordinare con un anticipo di 2000 dollari e l’inizio delle consegne è previsto per gennaio 2019. Sarà questa la vera nuova anti-Tesla?

Fisker_EMotion-doors_up

Super SOCO TC: urban, stylish, green

SuperSOCO_TC

Una piccola e leggera cafè racer con motore elettrico, così si potrebbe definire velocemente la Super SOCO TC. In termini di dimesione e potenza si va a confrontare con la classe 125cc dei motori termici. In termini di stile l’impostazione vuole richiamare le moto anni 60-70 un revival che ora di moda. In termini tecnici la TC non potrebbe essere più lontana dal mondo vintage, la moto infatti è spinta da un motore hub 17″ da 1500W(inserito nel mozzo della ruota posteriore) sviluppato dalla Bosch, l’alimentazione è fornita da una batteria da 30Ah alloggiata in quello che un tempo sarebbe stato il serbatoio e che può essere affiancata da una gemella in modo da raddoppiare la percorrenza massima che è di circa 90km. La TC ha anche una sorella minore denominata TS (foto sotto) con potenza confrontabile ad un ciclomotere 50cc ma dal piacevole design motociclistico. Le moto sono prodotte in Cina e commercializzate dall’australiana VMOTO Ltd. (www.vmoto.com)

Super_Soco_TS

A nice, light and full electric cafè racer, this could be a short definition of the Super SOCO TC. Dimension and power put this bike in 125cc category, the style is a fine “neoclassic” revival of bikes from the 60s and 70s but the technology is really far from this stylish era. The TC has a 17″ hub motor (inside the rear wheel) developed by Bosch, the 30Ah battery is inside the former gas tank where is possible to put a second battery to double the range from about 90km to 180. The TC has small sister called TS with the power of a 50cc moped (see the pic above) and a fine modern design. The Super SOCO are built in China and distributed by VMOTO Ltd. (www.vmoto.com) based in Australia.

Lamborghini Terzo Millennio, vision from the future

lamborghini-terzo-millennio-conceptLamborghini presented its own vision of future supercars developed in collaboration with MIT (Massachusetts Institute of Technology). The concept named “Terzo Millennio” isn’t just an aesthetic exercise, it shows some interesting and innovative solutions with an electric motor at each wheel, far from a traditional centrally mounted drivetrain, which gave designers a higher level of freedom allowing them to redevelop the entire system starting from a very different point of view. Feeding these electric motors is a new form of energy storage system, designed to improve the efficiency of the power being drawn and replenished from the batteries. Essentially this would be a super-capacitor, which can release very large amounts of energy in a very short time. One of the most innovative aspect of this new car is the potential energy storage possibility presented by the carbon fiber structure itself, Lamborghini has started developing carbon fiber chassis components with the ability to accumulate energy for storage in the body itself! The carbon fiber components don’t only hold energy, but are also “self-healing“. The resin, which forms the glue holding the carbon fiber together, will detect and repair cracks in the material structure, reducing the risk of a structural crack then forming from it. Aside from improving lifecycle properties, it also allows engineers to reduce the quantity of material required in high-stress areas of the structure, also reducing weight and complexity.

lamborghini-terzo-millennio-concept2
Lamborghini ha presentato la propria visione di supercar del futuro sviluppata in collaborazione con il M.I.T. (Massachusetts Institute of Technology). Il prototipo denominato “Terzo Millennio” non è un semplice esercizio di stile, ma mostra alcune soluzioni interessanti e innovative con un motore elettrico per ogni ruota, soluzione lontana dal solito motore centrale, che ha dato ai progettisti un livello più elevato di libertà permettendo di ridefinire l’intero sistema partendo da un punto di vista decisamente diverso. L’alimentazione di questi motori elettrici è affidata ad un nuovo sistema di immagazzinamento, progettato per migliorare l’efficienza della potenza che viene rilasciata e accumulata dalle batterie. Essenzialmente questo sarebbe un supercondensatore, che può rilasciare grandi quantità di energia in un tempo molto breve. Uno degli aspetti più innovativi di questa nuova vettura è la potenziale possibilità di immagazzinare energia presentata dalla stessa struttura in fibra di carbonio, Lamborghini ha iniziato a sviluppare componenti del telaio in fibra di carbonio con la capacità di accumulare energia di riserva nel corpo stesso! I componenti in fibra di carbonio non solo conservano l’energia, ma sono anche “auto-riparanti”. La resina, che forma la colla che tiene insieme la fibra di carbonio, rileverà e riparerà le crepe nella struttura del materiale, riducendo il rischio che ci sia un cedimento strutturale. Oltre ad allungare il ciclo vitale, consente agli ingegneri di ridurre la quantità di materiale richiesto nelle aree più sollecitate della struttura, riducendo anche il peso e la complessità.

Aspark OWL: Japanese lightning

aspark-owlDa 0-100 in 2 secondi, questo il dato che colpisce di più del “gufo” (owl) giapponese. Il prototipo di hypercar presentato a Francoforte dalla Aspark. La Owl sfrutta due motori elettrici capaci di sviluppare una potenza complessiva di 435 cavalli con una coppia di 764 Newtonmetri e pesa appena 850 kg infatti il corpo vettura è interamente realizzato in fibra di carboinio mentre altre componenti sono costruite utilizzando magnesio, acciai speciali e alluminio. La macchina è lunga 4 metri e 83 centimetri e alta solo 990 millimetri. La linea può non essere orginalissima ma sicuramente è piacevole ed estremamente aerodinamica. La velocità massima dichiarata è di 280 km/h, unico limite l’autonomia di soli 150 km dovuta all’uso di batterie estremamente compatte per non influire negativamente sulla massa totale.

aspark-owl_backFrom 0-62 MPH in 2 seconds, this is the more impressive feature of the Japanese owl. The hypercar prototype presented in Frankfurt by Aspark. The OWL uses two electric motors developing 435 HP and 764 Newton meters and weighs just 850 kg, in fact the car body is entirely made of Carbon Fiber while other components are made using magnesium, special steels and aluminum. The car is 4 meters and 83 centimeters long and 990 millimeters tall. The design may not be too original but definitely nice and extremely aerodynamic. The Aspark OWL has a top speed of 174 MPH, the only limit is the range of only 93 miles due to the use of extremely compact batteries to not adversely affect the total mass.

Aspark-Owl-IN

Vanda Dendrobium: electroshocking and fast

vanda_dendrobium_01

La Dendrobium a due posti con tetto “a petali” è il prodotto della Williams Advanced Engineering (WAE), con sede a Grove (UK), i cui ingegneri hanno passato il 2016 a trasformare gli schizzi di progettazione in un prototipo finemente rifinito. Le porte posteriori e il tetto conferiscono alla supercar il suo nome; La loro forma “a petali” simile all’orchidea Vanda, fiore nazionale di Singapore. Il dendrobio è un genere di orchidee. Secondo Larissa Tan, il capo di Vanda Electrics, il prossimo passo è quello di predisporre la Dendrobium per una produzione limitata “di decine, piuttosto che centinaia”. La produzione è prevista iniziare entro il 2019. Il direttore dei programmi di WAE, Ian Cluett, che guida il progetto, ha costruito l’automobile fino ad essere marciante. I dettagli completi sull’unità elettrica non sono stati rivelati ma, per raggiungere i 200mph, la Dendrobium avrà bisogno di più di 700HP, trazione integrale, un cambio a due velocità e probabilmente tre motori elettrici – uno davanti e due al posteriore. La vettura demo dinamica presenta un singolo motore e una batteria agli ioni di litio derivanti dalla configurazione di Formula E che WAE ha progettato per la categoria corse. La WAE ha affrontato una serie di sfide difficili con il design della Dendrobium, che presenta una sezione centrale a forma di lacrima, componenti di sospensione posteriori esposti e un’apertura unica per tetto e porte. Mantemere le portiere e il leggerissimo tetto chiuso a 200mph sarà una grossa sfida ingegneristica per WAE. La Dendrobium non è ancora stata nella galleria del vento, ma Cluett ha dichiarato che il suo comportamento è stato definito al computer. La carrozzeria posteriore conica lascia ancora spazio per un pacco batteria. Non è possibile mettere la batteria tra le ruote, come sulle Tesla, perché ciò alzerebbe il centro di gravità è quindi probabile che si tratterà di una batteria relativamente piccola da 30-50kWh, piuttosto che da 80-100kWh come sulla Model S. Il gruppo motori sarà impostato per raggiungere i due obiettivi principali del progetto: 200mph di velocità massima e 0-60mph in 2.7sec.

vanda_dendrobium_03

The two-seat ‘petal-roofed’ Dendrobium is the product of Grove-based Williams Advanced Engineering (WAE), whose engineers spent 2016 turning design sketches into the neatly finished concept. The rear-hinging doors and roof lend the supercar its name; their ‘petal-like’ shape mimicking the Vanda orchid, Singapore’s national flower. Dendrobium is an orchid genus. According to Larissa Tan, the boss of Vanda Electrics, the next step is to engineer the Dendrobium for limited production “in the tens, rather than the hundreds”. Production is planned to kick off by 2019. WAE head of programmes Ian Cluett, who is leading the project, had the car built to a running standard. Full details of the electric power train have not been revealed but, to hit 200mph, the Dendrobium will need more than 700bhp, four-wheel drive, a two-speed gearbox and most likely three electric motors — one at the front and two at the rear. The ‘dynamic demonstrator’ features a single motor and a lithium ion battery pack derived from the Formula E set-up that WAE designed for the race series. WAE has been set a number of tough challenges by the Dendrobium’s design, which features a teardrop-shaped centre section, exposed rear suspension components and unique roof/door opening. Locking the doors and lightweight roof shut at 200mph will be a considerable engineering challenge for WAE. The Dendrobium hasn’t been in the wind tunnel yet, but Cluett said its behaviour has been computer-modelled. The tapering rear bodywork also leaves little volume for a battery pack. WAE can’t package the battery between the wheels, Tesla-style, because that would push the centre of gravity too high. As a result, it is likely to feature a relatively small battery pack of 30-50kWh, rather than the 80-100kWh of the Tesla Model S. The power train will be tuned to deliver the project’s two main targets: 200mph and 0-60mph in 2.7sec.  (source www.autocar.co.uk)

vanda_dendrobium_02