motocross

Armotia Due R & Due X: cool italian ride

8857

When we talk about made in Italy, we must talk about passion, commitment and creativity. When a small company creates something new and ready to give you a glimpse of future, great time in fun and a true vision of cool green mobility you must stand up and give honor to the result. At the last EICMA edition Armotia presented the 2017 line-up with two great fun bikes: Due R and Due X, the first electric 2WD fun-bikes. The DUE-R is a trail bike close to a supermotard ready to give you emotions on road and, why not, off road riding on your favorite tracks with the power of two electric engines: a permanent magnets 3-phase, axial flux in the rear and a permanent magnets 3-phase, radial flux in the front. Characterized by 19″ and 17″ wheels with 110/80 e 140/80 tyres respectively. With a total power of 15HP and 90km/h of top speed and 1 hour and 30 minutes of pure fun. The DUE-X is a off-road bike the has the same engines of its sister but has a hard off-road set up, equipped with a 43mm UPS fork and an OHLINS monoshock. The over dimensioned swingarm and the ergonomics make the bikes stable and amazing to be ridden. For more info vist: ARMOTIA.COM

8759

Quando si parla di Made in Italy, si deve parlare di passione, impegno e creatività. Quando una piccola azienda crea qualcosa di nuovo pronto a darvi un assaggio del futuro, grandi momenti di divertimento e una vera e propria visione della migliore mobilità green è necessario alzarsi in piedi e rendere onore al risultato. Alla scorsa edizione di EICMA la Armotia ha presentato la gamma 2017 con due grandi fun-bikes: Due-R e Due-X, le prime fun-bike a due ruote motrici. La DUE-R è una trail bike che si avvicina ad una supermotard pronta a darvi emozioni su strada e, perché no, anche fuori strada sui vostri percorsi preferiti con la potenza di due motori elettrici: a magneti permanenti a 3 fasi, flusso assiale nel posteriore e una magneti permanenti 3 fasi, flusso radiale nella parte anteriore. Caratterizzato da cerchi da 19″e 17″ con pneumatici 110/80 e 140/80 rispettivamente. Con una potenza totale di 15CV e 90 km/h di velocità massima e 1 ora e 30 minuti di puro divertimento. La DUE-X è una moto off-road che sfrutta gli stessi motori della sorella, ma impostata per del vero fuoristrada, dotata di una forcella UPS da 43 millimetri e di un monoammortizzatore OHLINS. Il forcellone sovradimensionato e l’ergonomia rendono le moto stabili e sorprendenti nella guida. Per maggiori informazioni vistate: ARMOTIA.COM

8814

8804

Annunci

Elettra Stone 2.0: the italian green enduro

elettra-stone-2-18-ridotta

Sarà presente al prossimo EICMA questa enduro elettrica denominata Elettra Stone 2.0 (un chiaro omaggio alla Stone 1.0 di Ro.Bo). Questa enduro è un nuovo segno del genio italico applicato al tema della moto green, dimostrazione che una buona idea può crescere anche senza risorse stellari ma con l’impegno e la cura sartoriale tipica del made in Italy. Questo prototipo parte dalla conversione di una Honda CRF250X a cui il team della Elettra ha applicato un nuovo motore elettrico a magneti permanenti e flusso assiale con una potenza programmabile fino 30CV e una coppia fino a 65N/m raffreddato ad aria e con un peso di soli 11kg. Le tre batterie collegate in serie (fornite da DUEBI di Buzzi Andrea) a polimeri di litio da 105Ah consente un’autonomia di ben 120km nell’uso stradale e 80km in modalità di gara e possono essere ricaricate completamente dalla normale rete domestica in 7/8 ore (al costo massimo di 1,50 euro). La velocità massima, in base al rapporto usato, varia dagli 80Km/h fino ai 120km/h ma credo che questo dato sia forse quello meno importante per un mezzo che riesce a fermare l’ago della bilancia a 113kg e a non produrre un grammo di co2. Il comportamento complessivo è paragonabile ad una valida enduro con motore 250cc 4T. Indubbiamente richiede un grosso cambio di mentalità l’assenza delle marce, la potenza è tutta gestita elettronicamente e permette di concentrarsi solo sul percorso e di godersi l’ambiente circostante nel silenzio. Si può davvero pensare che questo possa essere il futuro dell’enduro (e anche del cross) potendo girare liberamente nei boschi e potendo pensare a circuiti anche vicini ai centri abitati. Una tecnologia che può solo migliorare, una tecnologia che avvicina il futuro della mobilità (anche quella per il divertimento) al presente. Resta solo da attendere questo gioiello nelle concessionarie.

moto-elettrica-da-enduro-elettra-9-ottobre-2016-5

We will see it at the next EICMA edition, this enduro bike called Elettra Stone 2.0 (a tribute to the Stone 1.0 by Ro.Bo). This enduro bike shows the italian genius at work on a green bike without the power of big budget, a cool job that shows the power of made in Italy. This prototype starts from a Honda CRF250X with a new air-cooled electric engine with permanent magnets and axial flow with a programmable output up 30hp and torque of up to 65N/m and with a weight of only 11kg. The three lithium polymer batteries (105Ah) connected in series (provided by DUEBI) allow a range of 120km in regular use, and 80km in race mode and can be fully recharged from the normal home output in 7/8 hours (at the maximum cost of 1.50 €). Top speed may varies from 80 km/h up to 120km/h but I think this figure is perhaps the least important for a green bike with a weight of 113kg and not a gram of co2. The overall dynamic is comparable to a good enduro with a 250cc 4 stroke engine. Undoubtedly it requires a big change in mentality the lack of a gear box, the power is all electronically managed and allows to focus only on the trail and enjoy the outdoor in silence. You can really think that this could be the future enduro (and the motocross) being able to freely ride in the woods and thinking of circuits also close to residential areas. A technology that can only get better, a technology that brings the future of mobility (including fun mobility) to the present. It only remains to wait for this jewel in dealerships.

elettra-stone-2-7-ridotta

ROBO Stone 1.0: italian green bike growing

ROBO-2146

Il marchio ROBO con sede a Petrigniano di Assisi ha sviluppato una notevole moto da cross elettrica. Ora sono in cerca di validi partner per passare dal prototipo alla produzione di serie. La Stone 1.0, questo il nome del prototipo, prende in prestito il telaio e la ciclistica da una moto di produzione “classica” e monta un nuovo motore a magneti permanenti e flusso assiale e doppio statore la cui potenza può arrivare a 40CV con una coppia di ben 80Nm e batterie Litio polimero da 74V. L’autonomia, che ovviamente varia in base all’utilizzo, può arrivare a 70Km. Grazie ad un cambio elettronico a manubrio con 2 velocità + booster può toccare i 90Km/h. La Stone 1.0 pesa 108Kg. E’ un progetto tutto italiano e sarebbe bello vedere aziende italiane impegnarsi nella produzione di questa moto, magari al prossimo EICMA col marchio Aprilia… Tanto per fare un nome (il gruppo Piaggio è avvisato). Dopo tutto anche KTM ha sviluppato la sua cross a zero emissioni. Pochi grandi marchi hanno intuito il potenziale di moto per cross e discipline outdoor con motorizzazione green, eppure tanti sarebbero i sentieri che si aprirebbero a questi mezzi, la gestione sarebbe perfino più facile e l’utilizzo in aree chiuse non comporterebbe nessun problema di gas. Il divertimento resta intatto, anzi forse aumentato dalla spinta prodigiosa che solo un motore elettrico può dare e l’autonomia, almeno per mezzi specialistici, non sarebbe nemmeno una priorità assoluta, ma tant’è le batterie si stanno evolvendo rapidamente e le moto elettriche stanno diventando sempre più degne alternative anche per il commuting urbano, un commuting a prova di restrizioni al traffico. La ROBO Stone 1.0 potrebbe essere una candidata alla rivoluzione green se supportata dall’impegno di un grande marchio.

ROBO-Stone2

The ROBO brand based in Petrigniano of Assisi (Italy) has developed a high end electric motocross bike. Now they are looking for strong partners to move from prototype to mass production. The Stone 1.0, this is the name of the prototype, borrows frame and chassis from a “classic” production motorcycle and mount a new permanent magnet electric motor with double-stator and axial flux that can reach 40HP with a 80Nm torque and 74V Lithium-polymer batteries. Range, which of course depends on the ride style, can be up to 70Km. Thanks to an electronic shifter on the handlebars with 2 speed and a booster can reach 90 km/h top speed. The Stone 1.0 weighs 108kg. It’s an all-Italian project and it would be nice to see Italian companies engage in the production of this bike, maybe at the next EICMA show Aprilia branded… Just to say a name (Piaggio group is advised). After all KTM has also developed its zero emissions cross bike. A few big brands have realized the potential for cross and outdoor bikes with green motors, a lot of green paths into the wood, service would be even easier and non gas problem in closed areas. The fun is still intact, or even enhanced by the amazing torque and power that only an electric motor can give and range, at least for specialistic bike, it wouldn’t be a top priority, but batteries are rapidly evolving and electric bikes are becoming more worthy alternative for urban commuting, a “traffic restrictions proof” commuting. The ROBO Stone 1.0 may be a candidate for the green revolution if supported by the commitment of a big and trustworthy brand.